Anestesia

Via Raffaele Paolucci 21A.
tel 58202614
VISITE SU APPUNTAMENTO

 
 

Anestesia

Anestesia
[vc. dotta, dal greco “ anaisthèsía “ insensibilità’, comp. di an e áisthèsis”sensazione” s. f. Abolizione della sensibilità dolorifica anche patologica, indotta artificialmente con farmaci, a scopo chirurgico – totale, che interessa tutte le attività cerebrali, ad eccezione di quelle strettamente vitali, con soppressione della coscienza – locale, che interessa una parte limitata del corpo con conservazione della coscienza.
(definizione tratta dal Vocabolario della Lingua Italiana di Nicola Zingarelli, Undicesima edizione)
________________
Anestesia totale
L’anestesia generale è una tecnica in cui il paziente è reso completamente privo di coscienza. Inoltre l’anestesia generale permette di garantire l’analgesia (l’animale non percepisce dolore), l’amnesia ( non ricorda nulla dell’evento chirurgico) e la paralisi muscolare (i suoi muscoli sono privi di tono e quindi rilasciati). L’anestesia generale è comunemente indotta e mantenuta somministrando al paziente farmaci per via endovenosa o per via respiratoria o per ambedue le vie.
________________
Anestesia locoregionale
L’anestesia  locoregionale è una tecnica che di avvale di una particolare classe di farmaci chiamati anestetici locali. È utilizzata per rendere insensibile al dolore quella parte del corpo oggetto di trattamento chirurgico, per esempio una zampa, un piede o una data area cutanea. Questo tipo di anestesia permette di mantenere un piano anestesiologico molto leggero (necessario solo a garantire l’ immobilità del soggetto) per tutta la durata dell’intervento chirurgico, senza avere alcuna percezione del dolore.
________________
Dolore
Il dolore è “un’esperienza sgradevole, sensoriale ed emotiva, associata ad un danno tissutale in atto o potenziale, o descritto in  termini di tale danno” (I.A.S.P. International  Association for the Study of  Pain).
Il dolore rappresenta la risposta fisiologica  dell’organismo ad un insulto esterno ed ha funzioni protettive , con lo scopo di prevenire o minimizzare eventuali danni tissutali. Ma un dolore fisiologico, qualora particolarmente intenso e/o di lunga durata, può evolvere in un dolore patologico e nocivo, caratterizzato da un insieme di alterazioni a livello del sistema endocrino e metabolico che, insieme allo stato di ansia che si accompagna costantemente ad una percezione dolorosa, possono rallentare la capacità di recupero, favorire l’insorgenza di complicanze postoperatorie ed allungare il periodo di degenza.
________________
Sedazione
Con il termine di  si indica, in anestesia, uno stato di ipnosi parziale in cui il paziente non perde completamente la nozione di sé, anche se in parte ne è deficitario. E’ maggiormente utilizzata per manovre poco invasive al fine di minimizzare la paura, l’ansia o l’aggressività dell’animale e fi produrre un relativo innalzamento della soglia dolorifica.